CI SONO FARMACI PER LA PARURESIS

di FF

2540417323_bb9bc2bdb3

Per chi se lo stesse domandando, la paruresis (o shy bladder syndrome, sindrome da vescica timida) è un disturbo della personalità che ti impedisce di pisciare in pubblico. Ricordo di una volta, alla visita per i militari (un luogo e un momento dove i traumi adolescenziali te li vendono col 4×2), che un tizio del mio gruppo rimase quaranta minuti con il pisello attaccato a una provetta con medici e sergenti che gli urlavano cose tipo MUOVITI! e lo ingozzavano di acqua minerale per poter timbrare il cartellino e mandarci tutti affanculo. Leggendo wiki si impara che in realtà la paruresis colpisce una fetta di popolazione mondiale assolutamente rilevante: il sette per cento degli uomini in terra, più tutti quelli che si vergognano a dirlo. Frequentare bar e osterie mi fa concludere che la maggior parte di costoro vivono probabilmente in Nuova Zelanda, ma magari no -se uno sa di averla magari non ci prova nemmeno. In qualsiasi caso, essendo del tutto impreparato sull’argomento, per trovare una risposta alla tua questione mi sono avventurato nel sito ufficiale della Comunità Italiana Paruretici (la quale, mi piace pensare, fa conferenze annuali in qualche aula magna senza gabinetti): un bel sito pulito e fatto con criterio, annunciato dalla suggestiva immagine di un ragazzo e una ragazza seduti su un prato, lui che punta il dito in lontananza e in sovrimpressione la scritta OLTRE L’ORRIZZONTE -gente a cui piace la poesia al punto dal volerla utilizzare a viva forza anche parlando dell’incapacità di farla in un cesso pubblico. Una volta accettata la doppia R di cui sopra, anyway, paruresis.it è un’autentica miniera di informazioni utili: “Esitare ad urinare in un bagno pubblico ha poco a che fare con la paruresis, che invece porta il soggetto ad una situazione di panico, nervosismo eccessivo, palpitazioni e disorientamento. Insomma in determinate occasioni la visione della realtà è, potremmo dire, distorta da una serie di fattori: ad esempio il fatto stesso di non trovarsi comodamente nel bagno di casa porta comunque ad un senso di  generico disadattamento alla situazione generale; il timore di essere osservati dalle persone che si trovano ad urinare e di quelle che potrebbero arrivare; ancora pure la paura di essere criticati per il fatto stesso di non poter riuscire nell’ atto, inibisce (come in un circolo mentale vizioso) il paruretico“. E via continuando sulla falsariga. Per quanto riguarda la richiesta in sè, molti -anche la stessa Comunità Italiana Paruretici- danno per scontato il fatto che sia un disturbo psicologico più che fisico, quindi diciamo che una pastiglia per pisciare agevolmente in pubblico sul mercato non c’è. Pensavo che la bevanda inventata da Arth Guinness a suo tempo avrebbe potuto essere una soluzione sia per il puro e semplice processo di diuresi che per i meccanismi di inibizione psicologica a monte, ma un anonimo nei commenti mi assicura che sette pinte potrebbero far finire un paruretico all’ospedale, che potrebbe non essere il miglior fine serata di tutti i tempi. Trovato da nuxx, su Inkiostro.

Annunci