COME MODIFICARE FOTORITOCCO SU PHOTOSHOP PER ELIMINARE VESTITI E FARE IN MODO CHE SIA NUDA

di FF

klimt

A dirla tutta non è semplicissimo, e al momento non si riesce a fare con il solo Photoshop. Serve un software un pelo più intelligente, che riesca a comprendere il modo in cui il vestito casca sul corpo, che spessore, che taglia, che taglio e quant’altro e sappia costruire un corpo umano quanto più simile all’originale sulla base di informazioni visive incomplete. Senza contare i problemi legati alla pigmentazione della pelle sotto i vestiti, anche questa nient’altro che scontata, e tutta la questione della peluria, delle irritazioni e dei nei. Adobe comunque sta elaborando un’applicazione apposita, di cui Photoshop sarà dotato nel pacchetto CS4. Si chiamerà Snuder. Il software che viene utilizzato si basa su alcuni studi di Carlos Santiago de Mortitudo, analista presso la Scientifica di Las Vegas (ha lavorato anche come consulente per la prima serie di CSI), e su una serie di suoi saggi in merito alla ricostruzione dei corpi umani a partire dalle tracce dei vestiti, ipotesi molto controverse che hanno comunque portato alla soluzione di molti casi per cui era stata persa ogni speranza. Il costo di elaborazione è alto, ma per via delle fette di mercato che fanno capo a tutte le sottoculture di pornomani e paparazzi Adobe è convinta che sarà il faro guida dell’espansione urbi et orbi della Creative Suite 4. Allo stato attuale, invece, Photoshop prevede la sola possibilità di applicare il viso della tua fidanzata alle tette nude di un’altra persona, tipo Pamela Anderson, ma anche quello è un processo piuttosto lungo e laborioso –e per fare le cose come si deve serve una certa quale perizia. Nanni Cobretti, che mi gira la chiave di ricerca (trovata su i 400 calci), si dice molto dubbioso in merito a tutto il processo e consiglia di risparmiare tempo sparandosi le seghe direttamente sulla foto originale delle tette finte di Pamela. Potrei dire di essere d’accordo.

Annunci