CERCASUGOOGLE

spiega cose che qualcuno crede vadano spiegate

Tag: cani

IL MIO CANE HA PAURA DI COSE STUPIDE

È un manualetto uscito poche settimane fa per Bronzi&Riace, a cura di un blogger di Faenza che si chiama Martino Pesca e si firma Tinosca (eravamo amici, poi si è scopato questa tizia che conosco e insomma…). Non è nient’altro che la raccolta dei post più significativi pubblicati fino ad oggi sul suo blog. Naturalmente tutte queste cose sono sì destinate a perdersi come lacrime nella pioggia, ma il qualunquismo non aiuta nemmeno i sani, figurarsi i malati. Nel senso, se volete qualcuno che critichi la pratica del libro-tratto-dal-blog potreste volervi rivolgere a qualcuno che non l’ha mai fatto. Nel caso, comunque, il blog di Tinosca è una raccolta di lettere mai pubblicate che arrivano a un giornale specializzato di settore (cani gatti e animali domestici in generale) nella cui redazione Tinosca è stato impiegato negli anni che vanno dal 2003 al 2005. Non chiedetemi perché un essere umano si voglia fotocopiare tutte le lettere che arrivano in redazione e farci un proprio archivio, ma Tinosca ha deciso di lanciarsi nell’impresa –e di uscirne, per così dire, trionfante. I post contengono il testo più o meno integrale della lettera e una sua risposta. Alcuni suoi post (probabilmente il più famoso è Perché i gatti non amano il sushi servito su un vibratore?) sono stati plagiati da diverse instant-commediole à la Camera Cafè e –si dice- perfino presi come base per un cinecocomero di prossima realizzazione. Il post che dà il titolo al libro, Il mio cane ha paura di cose stupide, è la divertente risposta ad una casalinga di Santa Maria di Burano (quella in provincia di Perugia) che nota che il suo rottweiler amava cagare sopra i volumi dell’enciclopedia più che sulle riviste di gossip.

I CANI SOFFRONO QUANDO HANNO IL CALORE?

Il referrer me lo allunga Davide. Per analisi approfondite sulla natura canina magari scrivete a Livia. Per come la vedo io, in ogni caso, le soluzioni con il vostro cane possono essere due:

tos
1 TOSARLO. Con il volpino della mia morosa ha funzionato, soffre molto meno la stagione e si lamenta il giusto -ha cambiato anche personalità, a dire il vero. Sta diventando davvero molto simile a un cane e ne parlerei nel dettaglio, ma non vorrei che questo blog diventasse una cosa alla Io&Marley. Già ho i referrer pieni di pervertiti e zoofili.

bd
2 CAMUFFARLO DA CANEAPE. Che magari non serve tantissimo per la sua temperatura corporea ma lo integra nel cosmo con facilità e slancio, oltre che darvi la giusta ispirazione se avete la necessità di comporre un pezzo à la Animal Collective.

RAGAZZA SCOPA CON CANE FOTO VIDEO

il nostro opinionista, interpellato in merito

il nostro opinionista, interpellato in merito

Ad essere sincero me l’ero tenuta come intro per il prossimo brainstorming, ma dato l’attuale imperversare di chiavi di ricerca a sfondo zoofilo mi sento in vena di mollare il primo pezzo costruttivo dalla nascita di CSG ad oggi. ABBIATE RISPETTO DEI VOSTRI ANIMALI, date loro un’alimentazione sana ed equilibrata, lo spray per le pulci, i giochetti di gomma che fischiano e tutta quella roba; fateli correre nei prati, raccogliete la loro merda, non permettete loro di scannare i vostri vicini, portateli fuori porta e lasciate che respirino aria buona, non abbandonateli nelle piazzole accanto all’autostrada, non mettete loro la museruola, non tirate troppo il guinzaglio, cercate di evitare che piscino nei cerchioni dei SUV (lo dico per voi, quelli col SUV tendono ad essere trogloditi e a menare forte). E cristo santo, non guardateli con fare voglioso immaginandoli vestiti di latex a picchiarvi e a ficcarlo dentro vostra nipote. Lasciate che le razze continuino a non-mischiarsi tra loro. Bacini.

PERCHE IL CANE TENDE A PORTARE A SPASSO IL PADRONE

tapeae7
Credo sia tutto ascrivibile a quella che se non erro al liceo mi avevano (con scarsi successi, ma forse il fatto che fossi uno zuccone e/o una mela marcia non era ascrivibile al corpo docente) insegnato a chiamare conservazione della quantità di moto, mi pare il secondo principio della dinamica. In buona sostanza il cane senza guinzaglio andrebbe a quaranta chilometri all’ora. Tenerlo al guinzaglio lo rallenta fino alla velocità che preferisci, ma il cane ha una massa e questo tende a far sì che il padrone venga trascinato nella direzione presa dal cane. In altre parole, il cane tende a portare a spasso il padrone perche il padrone si ostina a tenerlo al guinzaglio. Naturalmente potrei sbagliarmi: se vedeste i miei voti di fisica all’epoca non mi fareste manco passare lo straccio per terra. Grazie a cani da cuccia per la chiave.