CERCASUGOOGLE

spiega cose che qualcuno crede vadano spiegate

Tag: pop art

CLISTERE PIACERE

stain

I miei più o meno coetanei (30-e-qualcosa, dove per qualcosa si intende un numero piuttosto ridotto -il mio avvocato consiglia di puntualizzarlo) sapranno certo qualcosa in merito agli Sgorbions, incredibile raccolta di figurine di mutanti schifosi con il cognome che andava a definire la mutazione stessa. Alvaro Metallaro, Ciro Vampiro, Matteo Cappereo, Aristide Cariatide, Gastone Bubbone, James Fond, Jane Fionda e via discorrendo. Quel che potreste non sapere è che era in discussione una quarta raccolta di figurine per il solo mercato italiano, ancora più pulp ed estrema delle altre, illustrata dall’artista pop Massimino Costrizione ed incentrata su un nucleo sociale partorito dalla mente di Davide Scea, nel quale più o meno tutti indulgevano in pratiche sessuali pesantissime per dare sfogo ad istinti che dire bassi è poco, descritte spesso per filo e per segno nelle didascalie dell’album, che si pensava vendibile per un pubblico più adulto. Dopo la rinuncia della casa editrice originale ed il fallimento delle tre seguenti compagnie interessate alla faccenda si fece più o meno strada l’idea che la quarta serie italiana degli  Sgorbions (diventata nel frattempo Plaguers) fosse maledetta e portasse sfiga (non quanto infilarsi nel di dietro una statuetta della mummia del Similaun, ma insomma), e pare che nel giro di certe librerie esoteriche sia stata stampata una versione comic-book davvero ben fatta che ha goduto di un certo successo commerciale considerato anche il prezzo altissimo di copertina (il suicidio di Massimo Costrizione aiutò molto). Clistere Piacere era il personaggio chiave del secondo capitolo dell’album, raffigurato in un vezzoso bianco e nero con schizzi marroni qua e là, una sorta di maestro di cerimonie della saga, con molte caratteristiche simili a una versione asiatica del Gesù De Sade di Preacher (se vi piace il genere).

DEVO FAR RIDERE LA MIA RAGA DI KE PARLO (brainstorming parte #2)

tobey

L’attuale infatuazione di tali e tanti psicopatici per CSG mi impone di rendere brainstorming una rubrichina quasi-settimanale. Quello sopra è un white painting di Mark Tobey. In qualche modo c’entra.

INVEROSIMILI CAZZI
Pare che Giacomo Granese di Montalfarlocco avesse un membro a forma di parallelepipedo. Cercalo su Wiki.

LA MIA RAGAZZA VUOLE
È fatta. Prenota i biglietti e parti.

JIM MORRISON E LA POP ART
Non mi dilungherò oltre sulla faccenda.

DEVO FAR RIDERE LA MIA RAGA DI KE PARLO
Ma mi pare ke komunque già se apri bokka basta e avanza, rago.

VOGLIO FARE UNA ORGIA E LA MIA RAGAZZA NO
…avrà i suoi motivi. Nel caso tu decida di portare a termine la cosa, consiglio di non pescare comprimari tra le sue amiche del cuore.

LA RAGAZZA CHE TI PIACE VUOLE A UN ALTRO
Uno dei più abusati cliché dell’adolescenza. Nel novanta per cento dei casi l’altro in questione le romperà all’imene prima di quanto possa farlo tu. Sono cose che capitano. Sono cose che ti rendono a una persona migliore.

RAGAZZA NON TI VUOLE CONOSCERE PERCHÉ
…sono un misantropo e nove anni fa le ho dato della troia sul canale #italia di mIRC.

MI SERVE UNA FOTO INTERA DI UNA RAGAZZA
Oddio, mi metti in difficoltà. Ma la cerchi su INTERNET? È difficile, non ho mai visto foto intere di ragazze su internet. La rete interna della NASA è molto più proficua da questo punto di vista.

LA MIA RAGAZZA NON MI FA SCOPARE
Stìmati.

FILM INGLESI PORNO LECCAMI IL CULO PICCO
Lick My Ass, Picco. 1974, John Fontanella. Un autentico culto recentemente uscito in DVD –ma non per il mercato italiano. Su eMule lo trovi in originale (per le battute che si scambiano puoi anche evitare i sottotitoli).

FAR SCOPARE LA RAGAZZA CON ALTRI
Preferisco (di poco) il dibattito sull’eutanasia.

POESIA DELLA POP ART
La pop art
fa cagare
monti
Monti

(Nicola Sorteavversa, dalla raccolta di poesie Mestieri mostri mostrare edita da Minimum Fax nel 2008)

COME FARE POMPINI AL CINEMA
Come in qualsiasi altro luogo, suppongo. Preferibili le sale dove si possono togliere i braccioli delle poltrone.

QUALCUNO E BASSISSIMA DI STATURA
Una persona che sia qualcuno e bassissima di statura? Renato Brunetta.

SCOPARE LA FIDANZATA DI NASCOSTO
Stìmati.

….LA MIA PRIMA ORGIA
Ma tu pensa, è il titolo del corto che è stato allegato ai contenuti speciali di Lick My Ass, Picco. Son coincidenze.

COSA POSSO FARE SE MI STO ANNOIANDO COME ORA
Altro.

SONO UNA RAGAZZA CHE VUOLE SCOPARE
Ahm, prova a farti un account su Facebook. Dicono che ora tiri un sacco.

LA MIA FIDANZATA SCOPA CON UN ALTRO
Stìmati.

IMBARAZZATO DI STOMACO
Mangia pane, fai un po’ di tappo. Oppure prova a vomitare. Cerca di farlo dentro la tazza del cesso. Se hai anche la diarrea ti consiglio di tirare la catena tra l’una e l’altra session.

MAMME CHE MASTUR UYT EXX CN
Di Tolkien ho letto solo il Silmarillion. Sopravvalutato.

COME SI LEGGE GEROGLIFICO
Te lo spiega Nanni Cobretti.

COSA SCRIVERE SU DI ME
Ehm… un’autobiografia?

SCOLORIRE UNA BANCONOTA
Trementina e lanciafiamme.

LA MIA RAGAZZA SCOPA CON UN ALTRO
Stìmati.

SCOPATA DI GRUPPO IN UN INTERNO
Personalmente gli sport indoor non mi hanno mai entusiasmato troppo.

IL PROBLEMA DELLA MASTURBAZIONE
Statisticamente tende a non distribuirsi come una t di Student.

ALLERGIA CREMA COSA FARE
Non applicare la suddetta crema.

CERCO RAGAZZO PER SCOPARSI LA MIA RAGAZZA
Stìmati.

LA MIA RAGAZZA È UNA
Anche la mia è una. Potremmo dire che è una coincidenza, ma c’è da dire che è una situazione comune a molte altre persone che conosco. Del resto la poliginia in questo paese non è vista di buon occhio.

CANZONE INGLESE 2008 SORRY
So.Central Rain, dei REM. No, è di un altro anno. E sono americani. Scusa.

LA MIA RAGAZZA NON VIENE
Stìmati.

DOPO SESSO ANALE COME GESTIRE LO SFINTERE
Un impacco di camomilla potrebbe fare alla bisogna.

LA MIA RAGAZZA NON ME LA DA
Stìmati.

RAGAZZE LA VOSTRA PERVERSIONE A LETTO
Qualcuna mi mandi una mail e metterò la risposta qui sotto.

TORRE DI PISA PROSPETTIVA ACCIDENTALE
Più tardi magari fo un disegnino.

ONANISMO NELL’ARTE
Non ne so niente. Forse i white paintings di Tobey?

COSA FARE UN ANNO CON LA RAGAZZA
Beh non so, insegnale un po’ di cose sul metal e portala ai concerti, qualche cena ogni tanto, cinema, bacini, sonno, chiacchierate… vedrai che un anno passerà prima di quanto pensi.

ANO QUESTO SCONOSCIUTO
ahahahahahhahahahahahahahahahahahahahaahahah

SERVE DARE I PUGNI AI MURI
Se miri ad avere più fratture alle falangi serve di sicuro.

LE PIÙ GRANDI STORIE D’AMORE GIAPPONESI
Tipo Orange Road?

CERCARE UN CELLULARE SU GOOGLE
Vai su http://google.it e scrivi la parola “cellulare” sullo spazio bianco.

SFOTTERE GENTE CHE NON SI FA I CAZZI SUOI
Fattibile. Gli puoi cantare anche quella canzone degli 883.

LA MIA RAGAZZA NON VUOLE SESSO
Stìmati.

BLOG QUANDO LUI È PIÙ PICCOLO DI LEI
http://quandoluiepiupiccolodilei.wordpress.com

SCOPO LA MIA RAGAZZA
Stìmati.

CHI MI VUOLE SCOPARE
Non saprei.

MENTRE SCOPAVO COMN LA MIA RAGAZZA
Io stavo cenando con mia madre. Preferirei non doverla chiamare a testimoniare.

STORIE D’AMORE X COMPITO IN CLASSE
Una davvero superpop nei compiti in classe è quella di Paolo e Francesca. Galeotto fu il libro e chi lo scrisse, eccetera. Lei riminese, lui di Verucchio. Per dire del fatto che erano gente poco interessante, insomma.

SITO DI NIKON
Qui.

DOVE POSSO TROVARE UN MURO
Una volta ne ho visto uno in un servizio di Lucignolo su Flavia Vento. Era davvero piuttosto carino, ma non ricordo davvero in che città. Un posto con spiagge e cose così, comunque.

NON NE POSSO PIÙ DELLA MIA RAGAZZA
Sapessi lei.

FRASI IN INGLESE DA SCRIVERE SU UN MURO
YES WE CAN. In comic sans.

COSA POSSO FARE NON POSSO SUONARE LA BATTERIA
Risotto alla parmigiana. Molto meno rumoroso, se è quello il problema.

TROPPE DOMANDE
Dici?

CANZONE CHE SFOTTE FACEBOOK
Ce ne dev’essere una nel nuovo Uochi Toki. Esce per La Tempesta tra qualche settimana, a quanto ne so.

ZOOFILIA NELLA PASTORIZIA
Meno comune di quel che si creda.

DOMANDE DA FARE A UNA EX RAGAZZA
“Ti ricordi quei 250 euro?”

IL GEROGLIFICO DELL AMORE
Direttamente dalla piramide di Cheope.

Beh, direi che per questa settimana siamo qui. L’ultima nota: se vi si sta gonfiando smisuratamente il viso CONSULTATE IL MEDICO, non google. Davvero. Ciao ciao.

MA JIM MORRISON FA PIÙ PARTE DEL DADAISMO O DELLA POP ART?

Caro navigante, non vorrei esser preso per qualcuno che sa qualcosa di arte contemporanea MA penso che un’opera d’arte stampata in milione di copie (come nel caso dei dischi dei Doors) sia decisamente riconducibile a qualche caposaldo ideologico della pop art. D’altro canto Dada fu movimento talmente permeante ed invasivo che persino uno come Jim Morrison potrebbe averci avuto a che fare -per esempio, non so, infilandosi un manico di scopa su per le chiappe e considerandolo un gesto di qualche valore ideologico/artistico. Va detto tuttavia che Jim Morrison amava considerarsi, in maniera se vogliamo anacronistica, una sorta di poeta maledetto dell’America degli anni sessanta. Ed è qualcosa che va benissimo finchè hai sedici anni o meno, età anagrafica in cui te ne puoi sbattere violentemente il cazzo sia di Dada che della pop art, dopodichè (già negli anni della prima maturità) la poetica visionaria e disturbata del Re Lucertola comincia a sembrare soprattutto la posa di un alcolizzato depresso morto giovane e travisato da generazioni di gente scoppiata peggio di lui -e io preferisco di molto la brillante poetica dell’abbrutimento del corpo e dello spirito di un OzzyOsbourne/LemmyKilmister, e persino le seghe mentali berlinesi bsx a poco prezzo della triade IggyPop/DavidBowie/LouReed, che almeno nell’ultimo caso dei tre era sponsorizzata da Andy Warhol e quindi pop art per questioni parentali. Il tutto senza voler inficiare il valore intrinseco di certe suite psichedeliche della band di cui Jim Morrison fu leader carismatico, ma certamente il primo impulso di fronte ad una domanda del genere è quello di correre su google e rintracciare qualche omonimo artista contemporaneo, magari segnalato in una pagina di disambiguazione su Wikipedia (scoprendo tristemente che sì, il quesito riguarda proprio una puntuale collocazione del cantante dei Doors all’interno delle correnti artistiche del novecento). Per parte mia la cosa più dada che posso immaginare ad argomento Jim Morrison è il giudizio silenzioso quanto impietoso di Tristan Tzara e Man Ray in questo incredibile scatto, immaginando (tradito dalla cronologia) che i due sodali siano stati immortalati pochi secondi dpop aver ascoltato qualcuno declamare uno degli aforismi di Jim, raccolti in una qualsiasi delle innumerevoli pagine internet ad essi dedicati. Qualcosa tipo “A volte basta un attimo per scordare una vita, ma a volte non basta una vita per scordare un attimo”.

su brullonulla.